notizie dal mondo

Dopo uno scambio di e-mail, abbiamo ottenuto il permesso di pubblicare la traduzione di alcuni articoli tratti da: The Magazine of  american beeskeeping nella sezione CATCH THE BUZZ (cascolta il ronzio). Siamo quindi lieti di presentare questo primo erticolo che riteniamo interessante per tutti.

CATCH THE BUZZ -Feral Honey Bees and Pathogens

Le colonie selvatiche forniscono indizi per migliorare la tolleranza delle api mellifere agli agenti patogeni

api all'ingressoLe api selvatiche del miele si radunano all’ingresso del loro nido in un capannone abbandonato nella Harrison Valley, in Pennsylvania. I ricercatori hanno scoperto che tali colonie selvatiche possono avere una maggiore tolleranza agli agenti patogeni rispetto alle colonie di api da miele gestite. Immagine: Katy Evans

Chuck Gill

UNIVERSITY PARK, Pa. – La comprensione dei fattori genetici e ambientali che consentono ad alcune colonie di api da miele selvatiche di tollerare i patogeni e sopravvivere all’inverno in assenza di gestione dell’apicoltura può aiutare a portare a stock riproduttivi che migliorerebbero la sopravvivenza delle colonie gestite, secondo uno studio guidato dai ricercatori del College of Agricultural Sciences della Penn State. Il ritorno alla vita selvatica si verifica quando organismi precedentemente gestiti fuggono in natura e stabiliscono popolazioni in assenza di influenza umana, ha spiegato il ricercatore capo Chauncy Hinshaw, dottorando in patologia vegetale e microbiologia ambientale. “Nel caso delle api mellifere, le colonie che sfuggono all’addomesticamento e si stabiliscono in natura offrono l’opportunità di studiare come i fattori ambientali e genetici influenzano l’idoneità degli organismi selvatici rispetto alle loro controparti domestiche”, ha detto Hinshaw. “Alcuni hanno suggerito che la selezione artificiale associata all’addomesticamento delle api mellifere ha ridotto la loro forma fisica e ha reso le colonie gestite vulnerabili a parassiti e agenti patogeni”.

Le api mellifere interagiscono frequentemente con specie di api gestite e selvatiche, svolgendo un ruolo fondamentale nella dinamica dei patogeni condivisi tra questi gruppi strettamente correlati, hanno osservato la coautrice dello studio Margarita López-Uribe, assistente professore di entomologia e Lorenzo L. Langstroth Professore all’inizio della sua carriera. “Sia le api domestiche che quelle selvatiche affrontano serie sfide da un gran numero di parassiti e agenti patogeni, ma le api da miele selvatiche devono affrontare le malattie da sole poiché non hanno apicoltori che le aiutino a controllare i problemi dei parassiti nella colonia”, ha detto. “Questo rende le api mellifere un modello ideale per indagare l’ipotesi che la dinamica ospite-patogeno durante l’inselvatichimento possa comportare una maggiore pressione della malattia e tolleranza ai patogeni negli organismi selvatici”. Il team di ricerca si è proposto di rispondere a tre domande:

  • Le colonie selvatiche sono serbatoi di agenti patogeni, con livelli elevati di patogeni rispetto alle colonie gestite?
  • Livelli aumentati di patogeni portano a una maggiore espressione dei geni immunitari nelle colonie selvatiche rispetto alle colonie gestite?
  • L’espressione del gene immunitario è correlata alla sopravvivenza delle colonie di api da miele?

Per rispondere a queste domande, i ricercatori hanno collaborato con gli apicoltori per individuare 25 colonie di api da miele selvatiche in tutta la Pennsylvania e hanno accoppiato ciascuna di queste colonie con una colonia gestita entro un raggio di sette miglia per controllare la variazione del clima e del paesaggio. Il team ha esaminato queste colonie per un periodo di due anni per misurare la sopravvivenza invernale, i livelli di tre agenti patogeni – virus delle ali deformi, virus delle cella nera della regina e Nosema ceranae – e l’espressione di sei geni che regolano l’immunità.

api selvaticheQuesta colonia di api selvatiche ha stabilito un nido all’interno del muro di una casa a New Bethlehem, in Pennsylvania. Le api da miele che sfuggono all’addomesticamento e stabiliscono colonie in natura offrono l’opportunità di studiare come i fattori ambientali e genetici influenzano l’idoneità degli organismi selvatici rispetto alle loro controparti domestiche, hanno detto i ricercatori. Immagine: Katy Evans

Il virus delle ali deformi, o DWV, è considerato il più grave patogeno virale delle api da miele a causa della sua prevalenza in tutto il mondo e del suo ruolo nelle perdite invernali di colonie. Il DWV e altri virus sono spesso diffusi dagli acari parassiti della Varroa, che richiedono agli apicoltori di implementare strategie di gestione per ridurre al minimo le infestazioni da acari tra le loro api. I risultati del team, recentemente pubblicati su Frontiers in Ecology and Evolution, hanno indicato che le colonie selvatiche avevano livelli più elevati di DWV, ma era variabile nel tempo rispetto alle colonie gestite. Inoltre, livelli più elevati di patogeni erano associati a una maggiore espressione del gene immunitario, con colonie selvatiche che mostravano una maggiore espressione in cinque dei sei geni immunitari esaminati per almeno il periodo di campionamento. “Abbiamo anche scoperto che l’espressione differenziale dei geni immunitari imenoptaecina e vago aumentava le probabilità di sopravvivenza durante lo svernamento nelle colonie gestite e selvatiche”, ha detto Hinshaw. “Di conseguenza, questi due geni potrebbero essere considerati biomarcatori della salute delle api da miele che possono essere utilizzati per prevedere la capacità di una colonia di sopravvivere all’inverno”.

López-Uribe ha affermato che i risultati forniscono prove del ruolo dell’inselvatichimento nell’alterazione dei componenti patogeni e delle risposte immunitarie dell’ospite.

“Il nostro studio è stato il primo a mostrare l’associazione delle dinamiche ospite-patogeno con la sopravvivenza delle colonie selvatiche”, ha detto. “Ulteriori ricerche per identificare i meccanismi genetici della tolleranza al virus e i biomarcatori della salute delle api possono aiutare gli sforzi di allevamento per migliorare questi tratti in stock selezionati di api da miele, con l’obiettivo di ridurre le perdite di colonie per gli apicoltori professionali”.

Altri ricercatori del progetto erano Kathleen Evans, dottoranda in entomologia presso l’Università del Maryland, e Cristina Rosa, professore associato di virologia vegetale, Penn State. Il programma Strategic Networks and Initiatives del Penn State College of Agricultural Sciences ha parzialmente finanziato questo lavoro attraverso il Programma di formazione per laureati in Ecologia integrativa degli impollinatori. Anche il National Institute of Food and Agriculture del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha sostenuto la ricerca.

https://news.psu.edu/story/644600/2021/01/19/research/feral-colonies-provide-clues-enhancing-honey-bee-tolerance

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>