Stagione calda e soleggiata, attenzione alla salute delle api

In questo periodo si è spesso sentito parlare dei raccolti finalmente abbondanti, di melari pieni e di stagione felice. Forse si è potuto recuperare sulla pessima esperienza dell’anno scorso.

Tutto sembra andare per il meglio, le famiglie sono popolose e si vedono le “barbe” fuori dagli alveari, cosa che da un po’ facevamo fatica ad osservare.

Ma gli esperti ci sollecitano a fare attenzione !!

Questo periodo prolungato di gran caldo, secco, senza fioriture interessanti, stanno mettendo a dura prova le nostre amiche api. In questo momento il consumo di alimento per la gestione della covata, per il raffrescamento dell’alveare, e per le normali attività che esse svolgono, stanno portando molte famiglie ad uno stress eccessivo. Le scorte calano rapidamente e per questo è necessario prestare molta attenzione. Una carenza alimentare in questa fase, potrebbe essere pericolosa per il corretto sviluppo della famiglia nei prossimi mesi, ed in preparazione del periodo invernale. A questo vanno sommati gli inevitabili stress legati ai trattamenti, che è necessario fare adesso ed a inizio agosto, e la forte probabilità di saccheggi, che si potrebbero manifestare vista la grande necessità di alimento fresco dovuto al grande consumo di risorse, e la carenza di fioriture opportune nel periodo.

Forse è il caso di pensare ad un intervento di alimentazione controllata, o di restituire un po’ di prezioso miele alle api, prima che sia compromesso un buon fine stagone, che si ripercuoterebbe, inevitabilmente, sulla prossima primavera. Direi che consultare un esperto potrebbe essere un buon inizio. qualche euro speso bene adesso potrebbe trasformarsi in molti euro, e molte più soddisfazioni, per i prossimi mesi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>