Grande successo l’incontro di sabato 25 ottobre

Quanti apicoltori sono intervenuti ad ascoltare le interessantissime esperienze che ci hanno portato i relatori? La sala del Polifunzionale di Magnano in Riviera era piena, non c’erano più posti a sedere.  Questo ci da la misura di quanto queste iniziative siano importanti e sentite. Gli apicoltori sono assetati di informazioni e di tecniche che consentano loro di migliorare la conduzione degli apiari e delle loro famiglie di api, particolarmente in queste stagioni così difficili. Le relazioni si sono articolate in tre momenti, scientifico, tecnico e pratico. Tutti gli ascoltatori hanno seguito con attenzione e interesse, ne sono prova le numerose domande che hanno animato un interessantissimo dibattito.pubblico

sindaco

Grazie al Dott. Dorigo, per la sua capacità di attirare l’attenzione su temi importanti per le api e per il territorio.  Complimenti alla Dott.sa Bertucci-Maresca e Dott.sa Torboli, per la semplicità, ma nello stesso tempo chiarezza, nell’esposizione di argomenti difficili e per noi quasi inusuali. Importante l’intervento del Prof. Pechhacker, che con tutte le difficoltà della traduzione, è riuscito a trasmettere concetti determinanti per poter superare alcune difficoltà. Grazie alla Dott.sa Menestrina, per il suo messaggio di attenzione alle difficoltà che potrebbero arrivare, e per le quali non possiamo farci trovare impreparati. Interessante e simpatico, l’intervento del Sig. Paolo, che con la sua naturale comunicativa, ha trasmesso a tutti noi la sua grande esperienza diretta.

prof.P.2

la cana 2

Il messaggio che possiamo trarre da una giornata così intensa rappresenta il grande interesse ed il grande amore che molti hanno per le api e per il territorio. E’ vero che anche la produzione ha la sua importanza, nessuno può pensare che l’aspetto economico non sia determinante, ma la sensibilità per questi insetti importantissimi per tutti noi è veramente il punto centrale per queste persone e di queste iniziative. Il convegno è durato quattro ore, ma nessuno si è annoiato o se ne è andato prima della fine, segno che i relatori sono stati bravi e che gli argomenti erano interessanti e sentiti.

Lo scopo dell’Associazione è quello di diffondere sempre più le tecniche e la cultura dell’apicoltura, in tutti i suoi aspetti. Ci sentiamo di poter dire che sabato si è potuto registrare un importante passo avanti.

pubblico2

Grazie a tutti gli intervenuti. Questo successo ci stimola a proseguire con maggiore determinazione e con maggiore professionalità. Di incontri così ne organizzeremo ancora! Cercheremo di approfondire, informare, divulgare e aggiornare quanti vorranno seguirci ed aiutarci. In questo momento non ci si può confinare in piccoli gruppi, nascondere dietro a qualche gelosia, inalzare qualche presunzione. Dobbiamo comunicare sempre più e collaborare tutti insieme per poter raggiungere traguardi che non sono nemmeno avvicinabili se non in maniera unitaria ed organizzata.

Ricordiamo il motto del Prof. Pechhacker: ” cooperation, cooperation, collaboration!”

Alla fine, in molti, siamo andati a cenare con le specialità della “Festa delle Castagne” che animava il paese di Magnano in quel week-end. Anche quei momenti di svago sono stati bellissimi e, come al solito, il dibattito sulle api è continuato tra apicoltori e lo stesso Prof. Pechhacker che si era fermato con noi.

Un caloroso grazie ed un fiducioso arrivederci.

importante evento il 25 ottobre prossimo

Da un po’ di tempo si è acceso un dibattito sulla salute della api, sulla “forza” delle famiglie e sulle morie e spopolamenti che, con sempre maggiore frequenza, colpiscono il nostro patrimonio apistico. Questo anno appena terminato è stato, forse, il più dramatico degli ultini tre trascorsi che già avevano fatto molto allarmare tutti noi. Le cause sono di difficile individuazione e le discussioni si moltipliano, ma le azioni ? cosa si sta facendo di concreto per cercare una soluzione ?  La situazione è ancora più grave se si pensa che il problema ha oramai coinvolto tutta l’Europa e non solo.

Noi dell’Associazione, cerchiamo di dare il nostro contributo invitando esperti la cui esperienza e consulenza potrebbe darci nuove opportunità per migliorare.  Non è facile organizzare un momento di riflessione con professori ed esperti di calibro internazionale, ma lo sforzo profuso ci offre una potenziale via da percorrere, una speranza di poter proseguire ed uscire da questi anni di profonda crisi.

di seguito il nostro programma della giornata:

sabato 25 OTTOBRE 2014 alle ore 15,30, Presso il Centro Polifunzionale di MAGNANO in RIVIERA (UD), via M. Montessori 6

  • Benvenuto del Presidente dell’Associazione e del Presidente del Consorzio di Gorizia;
  • Il saluto del Sindaco di Magnano in Riviera ;
  • Conservazione di Apis mellifera (Linnaeus, 1758) nell’area carsico-istriana.  

Dott.ssa Victoria Bertucci-Maresca; laureata in Biologia marina presso l’Università di Trieste, attualmente frequenta un dottorato di ricerca in Biologia Ambientale. Nel 2006 ha conseguito un Master in divulgazione scientifica e ambientale presso l’Università Bicocca di Milano. Esperta in genetica della conservazione, è attualmente impegnata in progetti di ricerca per tutela di specie di acqua dolce in FVG

  • Importanza della selezione genetica nell’allevamento delle api. 

 Dott. Hermann Pechhacker, laureato in scienze agrarie a Vienna;Dott. delle scienze apistiche; Professore di Apicoltura presso l’UniversitätfürBodenkultur/Vienna,(Università delle scienze naturali applicate), dove per tanti anni ha insegnato apicoltura.Direttore del istituto Federale Austriaco di ricerca sull’apicoltura; Attualmente Presidente della ACA (Austrian Carnica Association).

E’ organizzato un servizio di traduzione

  •  Utilizzo e performances della “gabbia Ucraina” nella lotta alla varroasi. 

Sig. Paolo La Cana, esperto apicoltore che pratica l’apicoltura e fa esperimenti sul blocco di covata da oltre trent’anni. Da almeno quattro anni sperimenta il confinamento della regina con il metodo della “gabbia ucraina” senza l’impiego di presidi sanitari.

  •  Domande e risposte, dibattito tra i partecipanti e chiusura lavori

Sarà gradito un contributo volontario di almeno 5 € per coprire le spese dei relatori

Alla fine, per chi vuole essere della compagnia, ci sposteremo nella piazza del paese per una cena caratteristica a base di castagne.     La quota prevista è intorno ai 15 € comprese le bevande

Per poter meglio organizzare le cose chiediamo a tutti voi di dare la conferma e la eventuale adesione alla cena entro venerdì 

Di seguito la mappa per raggiungerci ed il menu della serata

SPECIALE MENU DELLA SERATA:

Minestrone con le castagne servito nella pagnotta di pane,

assaggio di gnocchi di castagne,

Goulash con la polenta,

assaggio di frico con le castagne,

un po’ di acqua e vino o birra a scelta

costo cena: 15 €

 mappa magnano